Tu sei qui

La giunta regionale, il primo marzo scorso, ha approvato le linee guida a cui le Asl dovranno fare riferimento per la redazione dei rispettivi atti aziendali, che disegneranno la nuova articolazione dell'assistenza ospedaliera e territoriale in Abruzzo. Tutte le novità contenute nel provvedimento sono disponibili a questo link.

Canale Prevenzione

In un progetto di efficientamento del Sistema Sanitario Regionale, che investe sul miglioramento della qualità assistenziale con le risorse recuperate dagli dei costi inutili, la prevenzione riveste un ruolo strategico. L’Abruzzo già da anni è impegnato in un articolato programma di screening, finalizzato alla diagnosi precoce del carcinoma della cervice uterina (cui di recente si è affiancato anche quello sul papilloma virus), del colon retto e del seno. Nelle diverse azioni sono stati coinvolti, in media, circa 100mila abruzzesi l’anno, un dato sicuramente importante, che rappresenta un nuovo punto di partenza: l’obiettivo, infatti,  è raddoppiarlo, una sfida “possibile” vista la percentuale in crescita di cittadini che aderiscono agli screening, che rappresentano una grande opportunità di salute. Perché una diagnosi precoce della patologia consente di curarsi al meglio e, in molti casi, di guarire. 

La Regione Abruzzo, con decreto commissariale del maggio 2015, ha approvato il Piano regionale della Prevenzione 2014-2018, che introduce una serie di nuovi obiettivi che si vanno ad aggiungere a quelli già previsti nel precedente strumento di programmazione. Alle singole Asl è demandato il compito di adottare tutti i provvedimenti necessari a rendere operativo il Piano stesso.

 

La giunta regionale, su proposta dell'assessore alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci, ha approvato la delibera che recepisce le recenti disposizioni nazionali in materia di Lea (i livelli essenziali di assistenza), ponendo l'Abruzzo in linea...
Un’attività di prevenzione su un vasto territorio, che va da Tagliacozzo fino alla Ciociaria, per monitorare famiglie a rischio di sviluppare tumori per familiarità (ovvero precedenti casi nella cerchia parentale) o per predisposizione diagnosticabil...
La Regione Abruzzo ha affidato alla Asl di Teramo il ruolo di Centro regionale di Farmacovigilanza, affidandone la guida alla dottoressa Ilenia Senesi.   “I motivi principali alla base della necessità di sorvegliare i farmaci anche dopo la loro intro...
Una premialità di 69 milioni e 700mila di euro alla sanità abruzzese, assegnati alla Regione dal tavolo di monitoraggio (costituito dal Ministero della Salute e dal Ministero dell’Economia e Finanze), che ha rimesso oggi il verbale dell'ultima riunio...
Entro il 31 dicembre prossimo sarà avviata l'indagine (che verrà affidata al CNR di Pisa) sulla popolazione abruzzese per monitorare il fenomeno del gioco d'azzardo patologico (Gap). Lo ha deciso la giunta regionale - su proposta dell'assessore alla...
Incentivare l'attività motoria, attraverso percorsi specifici appositamente studiati tra gli over 65enni, al fine di recuperare e mantenere il benessere psicofisico, combattendo contemporaneamente lo stile di vita sedentario che può comportare seri r...

Pagine

Abbonamento a Canale Prevenzione