Tu sei qui

Ricetta medica Dematerializzata e novità previste dall'emergenza Covid-19

Versione stampabileVersione PDF

La Ricetta Elettronica Dematerializzata (DEM) 

Allo scopo di limitare ulteriormente gli spostamenti dei cittadini sul territorio e ridurre la diffusione del COVID-19, il Capo di Dipartimento della Protezione Civile ha emanato l'Ordinanza n. 651 del 19 marzo 2020, "Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili”, che prevede la possibilità di ottenere il Numero Ricetta Elettronico (NRE) delle ricette per la prescrizione di farmaci direttamente tramite e-mail, sms o comunicazione telefonica.

Analogamente era stato già disposto dall’Ordinanza n. 4 dell’11 marzo 2020 del Presidente della Giunta Regionale.

Grazie a questi provvedimenti, non sarà più necessario andare dal medico per la prescrizione delle ricette e il rilascio del promemoria cartaceo. Sarà possibile recarsi in farmacia per il ritiro dei farmaci solamente con il numero della Ricetta Elettronica Dematerializzata (codice NRE) e la Tessera Sanitaria-CNS.

Prevista dal Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 2 novembre 2011 “Dematerializzazione della ricetta medica cartacea, di cui all’articolo 11, comma 16, del decreto-legge n.78 del 2010 (Progetto Tessera Sanitaria)”- è la versione elettronica della tradizionale ricetta “rossa”. Viene rilasciata di solito dal medico curante e consente al cittadino di:

  • ottenere in farmacia medicinali prescrivibili dal Medico di Medicina Generale (MMG) a carico del Sistema Sanitario Nazionale (SSN);
  • richiedere prestazioni specialistiche o diagnostiche da eseguire presso le strutture pubbliche o private convenzionate con il SSN.

Le ricette elettroniche di prestazioni farmaceutiche hanno una validità di 30 giorni a partire dalla data di prescrizione: alla scadenza di tale termine, la ricetta non ha più valore e i farmaci non possono essere più erogati. La ricetta per la prescrizione di prestazioni di specialistica/diagnostica ambulatoriale ha invece validità di 1 anno.

 

Il codice NRE

Il Numero Ricetta Elettronica (NRE) è il numero univoco generato dal Sistema di Accoglienza Centrale tramite il quale è possibile numerare le ricette elettroniche. Chiamato spesso anche “codice NRE” o “codice della ricetta (NRE)”, ha lo stesso significato del codice a barre stampato nella parte alta a destra delle ricette del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) E' costituito da 15 caratteri nel seguente formato AAA BB C DDDDDDD EE dove:

  • AAA: identifica il codice della Regione/Provincia Autonoma;
  • BB: codice alfanumerico assegnato dal Sistema di Accoglienza Centrale (SAC);
  • C: identificativo del lotto;
  • DDDDDDD: codice del lotto assegnato dal SAC;
  • EE: numero di protocollo singolo all’interno del lotto.

 

In che modo il mio Medico può comunicarmi il codice NRE?

Al momento della generazione della ricetta elettronica da parte del medico prescrittore, l'assistito può chiedere al medico il rilascio del promemoria dematerializzato ovvero l'acquisizione del Numero di Ricetta Elettronica (NRE).

Il medico pertanto può rendere disponibile all’assistito la ricetta dematerializzata tramite le seguenti modalità alternative:

  • la trasmissione del promemoria in allegato al messaggio di posta elettronica, laddove l’assistito indichi al medico prescrittore la casella di posta elettronica certificata (PEC) o quella di posta elettronica ordinaria (PEO);
  • la comunicazione del Numero di Ricetta Elettronica (NRE) con SMS o con applicazione per telefonia mobile che consente lo scambio di messaggi e immagini, laddove l'assistito indichi al medico prescrittore il numero di telefono mobile;
  • la comunicazione telefonica da parte del medico prescrittore del Numero di Ricetta Elettronica (NRE) laddove l'assistito indichi al medesimo medico il numero telefonico.

Quali farmaci NON possono essere prescritti con la ricetta dematerializzata?

  • Farmaci destinati alla terapia del dolore,
  • Farmaci stupefacenti e sostanze psicotrope assoggettati a documentazione dello scarico sul registro entrata uscita;
  • Farmaci in classe C.

Potranno invece essere prescritti tramite ricetta dematerializzata i cosiddetti farmaci in distribuzione per conto (DPC), attraverso la comunicazione del Numero Ricetta Elettronica (NRE) nelle modalità alternative indicate sopra. (Si veda in proposito la circolare n. 85113 del 25/03/2020)

Per garantire la sicurezza anche ai pazienti fragili che sono in terapia con farmaci A/PHT ma che non hanno Piano Terapeutico e richiedono la ricetta dello specialista (nelle more delle decisioni/indicazioni di AIFA), il Medico di Medicina Generale (MMG) può prescrivere direttamente questi farmaci su ricetta dematerializzata qualora lo stesso Medico abbia valutato che non sia necessaria una verifica rispetto alla presenza di eventuali Sospette Reazioni Avverse o modifiche cliniche che necessitano di un contatto con lo specialista non differibile.