Tu sei qui

Sicurezza prodotti ittici: accordo Asl Teramo-Guardia Costiera Giulianova

Versione stampabileVersione PDF
Martedì, 3 Settembre, 2019

Un accordo importante, quello siglato oggi dal Direttore Generale Roberto Fagnano per la ASL e dal Tenente di Vascello (CP) Claudio Bernetti, Comandante della Guardia Costiera di Giulianova.

Importante perché convalida e consolida una collaborazione tra le due Istituzioni, che – di fatto – avviene già da circa un anno, nel settore dei controlli sulla filiera della pesca e sulla commercializzazione dei prodotti ittici, a garanzia del rispetto delle norme nazionali e comunitarie che tutelano la salute dei consumatori.

Il protocollo di intesa prevede una programmazione di controlli e ispezioni congiunte lungo la filiera della pesca, dai punti di sbarco fino alla commercializzazione al consumatore finale, con almeno una uscita settimanale, e risponde all’esigenza di incrementare l’efficacia dell’attività ispettiva, tutelando nel contempo gli operatori del settore che, nella circostanza di un unico controllo, vedranno certificare la correttezza del proprio operato sia per gli aspetti igienico sanitari (verificati dall’ASL), sia per quelli riguardanti la tracciabilità del prodotto lavorato o venduto (verificati dalla Guardia Costiera). Tale tipologia di attività ispettiva, maggiormente approfondita e completa, mira nel contempo a costituire ulteriore e più performante garanzia per il consumatore finale.

Il protocollo, infatti, nasce dalla necessità di rispondere in maniera efficace alle stringenti norme in materia, volte a contenere il crescente numero di frodi alimentari che coinvolgono il prodotto ittico, spesso commercializzato privo di ogni elemento che ne attesti provenienza e qualità o, ancor peggio, a danno della specie commercializzata che sovente vede somministrare al consumatore ignaro quelle di minor pregio al posto di quelle di maggior valore, nonché per contrastare le irregolarità attinenti lo stato fisico del prodotto somministrato (pesce congelato venduto come fresco). Da tali esigenze, la necessità manifestata dal Parlamento Europeo di assicurare un solido sistema di controlli che vada, appunto, dallo sbarco alla commercializzazione dei prodotti ittici restituendo al consumatore la fiducia necessaria e, conseguentemente, sostenendo lo sviluppo economico del settore della pesca.

L’attività di controllo svolta dalla Guardia Costiera di Giulianova in collaborazione con i Servizi di Prevenzione della ASL teramana, nel solo periodo compreso tra giugno 2018 e giugno 2019, ha visto ispezionate 61 attività commerciali con la rilevazione di 23 illeciti, per circa 35.000 euro di sanzioni comminate e il sequestro di 1,2 tonnellate di prodotti. Gli illeciti hanno riguardato soprattutto la mancata tracciabilità del prodotto, accertata sovente in presenza della mancata rispondenza alle norme igienico-sanitarie.

“La sottoscrizione di questo protocollo d’intesa dichiara il Comandante Claudio Bernetti – intende costituire esempio concreto di “buona amministrazione”. La collaborazione tra Guardia Costiera ed i Servizi Veterinari della ASL risponde all’esigenza di ottimizzare gli sforzi operativi e le risorse delle due Organizzazioni, ognuna delle quali mantiene la titolarità sui controlli nelle materie di competenza, a vantaggio di un crescente coefficiente di sicurezza alimentare per i consumatori di pesce e per gli stessi operatori professionali del settore. Per questi ultimi, infatti, il controllo rappresenta momento di verifica della correttezza del proprio operato: in forza di questo protocollo, gli stessi, invece di ricevere ispezioni separate da parte delle due Istituzioni, saranno soggetti ad una verifica unica fondata su attività ispettive che si completano tra loro.”

Roberto Fagnano, orgoglioso della “sua” ASL: “Questo accordo è il frutto di una Convenzione quadro sottoscritta tra la Direzione Marittima di Abruzzo, Molise e Isole Tremiti e il Dipartimento per la Salute della Regione Abruzzo, che prevede che tutte e quattro le ASL si dotino di un simile protocollo d’intesa. Con soddisfazione posso evidenziare che, al momento, la ASL teramana è la prima ad averlo fatto, cogliendo appieno il senso dell’accordo, che ottimizza le risorse e aumenta l’efficacia dell’azione amministrativa condotta sul territorio. Colgo l’occasione per ringraziare tutti i miei collaboratori che quotidianamente si spendono per supportare tutte le attività dell’Azienda.”

Responsabile pubblicazione: