Tu sei qui

Shigellosi

Versione stampabileVersione PDF

Shigellosi

La Shigellosi è una malattia provocata da batteri appartenenti al genere Shigella, che può presentarsi con quadri clinici di gravità variabile. Nei casi non trattati la letalità può arrivare al 10-20%. Si tratta di germi molto sensibili all'azione dei comuni disinfettanti e dei detergenti, ma che nell'ambiente esterno possono presentare gradi variabili di resistenza, soprattutto quando sono contenuti in materiale organico.

La Shigellosi continua ad essere un grave problema di sanità pubblica e rimane endemica in molti paesi in via di sviluppo. Tra le specie Shigella, la S. dysenteriae tipo 1 rappresenta una particolare minaccia, per la gravità della malattia che provoca e per il suo potenziale epidemico.

La malattia è più grave e il rischio di morte maggiore in:

  • neonati e adulti di età superiore ai 50 anni
  • bambini che non sono allattati al seno
  • bambini ricoverati per morbillo
  • bambini e adulti malnutriti
  • ogni paziente che presenta disidratazione, perdita di coscienza o ipo- o ipertermia, o con storia di convulsioni.

Dopo un periodo di incubazione da 1 a 4 giorni, i pazienti presentano, tipicamente:

  • diarrea caratterizzata dal passaggio frequente di feci liquide che contengono sangue visibile, con o senza muco
  • crampi addominali
  • tenesmo (stimolo doloroso all'evacuazione) improduttivo
  • febbre e anoressia

I pazienti possono, tuttavia, presentare solo diarrea acuta senza sangue o muco visibili e senza gli altri sintomi sopra descritti, soprattutto all'inizio della malattia. Se si verifica disidratazione, di solito è di grado moderato.

Fonte: Ministero della Salute.

Tags:


Le informazioni di seguito fornite non sostituiscono in alcun modo il parere e la visita del medico.


Indice alfabetico delle patologie inserite

A (6) | B (2) | C (7) | D (7) | E (6) | F (5) | G (1) | H (2) | I (9) | L (5) | M (8) | O (2) | P (7) | R (1) | S (9) | T (11) | U (1) | V (2) | W (1)

Clicca su una delle lettere.