Tu sei qui

Scabbia

Versione stampabileVersione PDF

Scabbia

La scabbia è un’infestazione dovuta a un acaro parassita, lo Sarcoptes scabiei var. homini. Il suo ciclo evolutivo si compie interamente nell’uomo: dopo l’accoppiamento il maschio adulto rimane sulla cute mentre la femmina depone le uova sotto la superficie cutanea, dove vive in genere 30 giorni. Le larve attive emergono dopo 3-4 giorni e invadono la cute circostante, che appare arrossata e rilevata. Il sintomo più comune è il prurito intenso.

La scabbia non è bella da vedersi, perché provoca il grattamento e per questo può super-infettare la pelle, ma resta una patologia banale, per la quale si dispone di farmaci efficaci e a basso costo.

Nell’ultimo decennio in Italia si è riscontrato un aumento dei casi probabilmente a causa della crescente diffusione dei viaggi in Paesi ove la malattia è più diffusa. I fattori che ne favoriscono la diffusione sono la scarsa igiene e la vita in comunità, per esempio sono stati osservati casi di scabbia nelle case di riposo, nei dormitori e nelle scuole materne.

Il sintomo più comune è il prurito intenso, che in genere si manifesta soprattutto la notte e può essere così intenso da impedire di dormire. La cute appare arrossata per la presenza dei cunicoli che agli occhi di una persona non esperta possono essere confusi con un comune irritazione.

Nell’adulto l’infestazione si osserva prevalentemente a livello:

  • della parte inferiore dei glutei, nella piega dove si congiungono con la parte superiore delle cosce
  • della regione genitale maschile
  • della areola mammaria femminile
  • dell’ombelico
  • delle ascelle
  • dei fianchi
  • dei gomiti. 

Nei bambini l’infestazione spesso si presenta sotto forma di vescicole e interessa aree:

  • del volto
  • della testa
  • del collo
  • del cuoio capelluto
  • della pianta dei piedi
  • retroauricolari.

Fonte: Ministero della Salute.


Le informazioni di seguito fornite non sostituiscono in alcun modo il parere e la visita del medico.


Indice alfabetico delle patologie inserite

A (6) | B (2) | C (7) | D (7) | E (6) | F (5) | G (1) | H (2) | I (9) | L (5) | M (8) | O (2) | P (7) | R (1) | S (9) | T (11) | U (1) | V (2) | W (1)

Clicca su una delle lettere.